sabato, 25 giu 2022 16:51

Vai all'archivio
Stampa Invia

AGGIUDICATA LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO "PROF. AVV. NICOLA COVIELLO"

30 ottobre 2003

A Margherita Colangelo con una tesi sul nuovo modello societario denominato “Società Europea” il premio istituito dalla Pro Loco di Avigliano

© 2013 - coviello.jpg

© 2013 - coviello.jpg

(ACR) - La prima edizione del Premio per una tesi di laurea in giurisprudenza "Prof. Avv. Nicola Coviello", istituito dalla Pro Loco di Avigliano, nel quadro degli obiettivi statutari per la valorizzazione della tradizione e della cultura aviglianese, è stato assegnato a Margherita Colangelo. "La 'Società Europea' tra dottrina della sede e competizione regolamentare", questo il titolo. La tesi, discussa nell'anno accademico 2001/2002, presso l'Università degli Studi di Roma Tre, è stata ritenuta il miglior lavoro per la completezza della ricerca scientifica basata sull'analisi puntuale e obiettiva delle varie argomentazioni. Presidente della Commissione giudicatrice Tonino Genovese, magistrato di cassazione, componenti gli avvocati Gaetano Basile, Barbara Coviello, Vittorio Gianturco e Nicola Rosa. Nell'ambito della lunga riflessione sul diritto societario europeo, il lavoro analizza la nascita, gli sviluppi e le possibili implicazioni del nuovo modello societario denominato 'Società Europea' (SE) che – come scrive la Colangelo nell'introduzione - "è un'inedita forma giuridica di cooperazione e concentrazione tra imprese operanti a livello transnazionale". Una società per azioni che ha impiegato più di trent'anni per vedere la luce, dotata di un riconoscimento giuridico che travalica le frontiere degli Stati nazionali. La SE, nata nel 2001, in virtù del combinato effetto di due provvedimenti comunitari (regolamento e direttiva), sarà effettivamente operativa a partire dall'8 ottobre 2004. La cerimonia di conferimento del premio, svoltasi nella Sala consiliare del comune di Avigliano, è stata preceduta dallo scoprimento della targa in memoria del Prof. Avv. Nicola Coviello. Nato a Tolve, in provincia di Potenza, nel 1867 da genitori aviglianesi, l'insigne giurista, secondo alcuni addirittura il fondatore del Diritto civile come 'sistema', dopo la laurea conseguita a soli 21 anni, giunge primo al concorso in magistratura. Abbandona, però, subito la carriera di magistrato e collabora nello studio del suo illustre Maestro, Emanuele Granturco. A partire dal 1892 insegna diritto civile in varie università italiane. A Catania, che fu l'ultima sua sede, è docente anche di diritto canonico ed ecclesiastico. Profondo conoscitore della cultura e della sistematica tedesca, chiude la sua breve esistenza presso Napoli nel 1913. Alla manifestazione di consegna del Premio hanno partecipato il Presidente della Pro loco, Nicola Summa, il Sindaco di Avigliano, Domenico Tripaldi, il giornalista di Raitre, Rocco Brancati, nella duplice veste di presentatore e moderatore, e i relatori Francesco Borsetti e Gennaro Coviello, il primo ricercatore universitario nell'Università di Pisa, Dipartimento di Giurisprudenza, nipote dell'illustre studioso di diritto e magistrato in pensione, il secondo. Nel corso dell'evento sono scaturite le autentiche matrici culturali, giuridiche e filosofiche che ispirarono la sua opera, l'obiettiva grandezza e la straordinaria statura e modernità della sua figura. Sottolineata, altresì, la sua concezione cristiana della vita e dei rapporti fra i soggetti. L'ispirazione 'evangelica', evidenziata dai biografi del giurista, si può cogliere in opere come 'L'equità nei contratti', testo nel quale, con particolare riferimento ai contratti di lavoro, molti decenni prima dello Statuto dei lavoratori e in un'epoca in cui dominante era l'individualismo kantiano, si sostiene che la libertà contrattuale "senza uguaglianza significa libertà di uno solo o di più, e libertà di uno solo è tirannia da una parte e schiavitù dall'altra". L'appuntamento è per il 2004 con la seconda edizione dell'importante premio. (L.S.)

Redazione Consiglio Informa

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player