martedì, 17 mag 2022 22:58

Vai all'archivio
Stampa Invia

CURCIO ("LUCANI NEL MONDO") PARLA DEL LAVORO E DEGLI OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE

08 ottobre 2003

Ricordato il recente incontro con la comunità dei lucani di Johannesburg

© 2013 - nave.bmp

© 2013 - nave.bmp

(ACR) - Il presidente della "Commissione regionale dei lucani nel mondo", Rocco Curcio, tira le fila del lavoro di tanti anni profuso dalla Regione Basilicata nei confronti dei suoi figli all'estero. "L'impegno della Regione Basilicata e della Commissione regionale dei Lucani nel mondo – è l'esordio di Curcio - si è sviluppato nel corso di questi anni nella ricerca delle comunità lucane in ogni parte del globo per costruire una rete attraversata da un filo conduttore che ha voluto valorizzare e non disperdere la comune identità culturale dei lucani che vivono nella nostra regione e dei lucani che la vicenda politica e sociale della nostra terra ha spinto in ogni parte del mondo". "In questo quadro – ha proseguito il presidente della Commissione - si colloca l'incontro tra i lucani che vivono in Sud Africa, in modo particolare a Johannesburg, che hanno costituito l'associazione dei lucani in questa città. E' una piccola, ma significativa realtà la presenza lucana a Johannesburg. Sono prevalentemente piccoli imprenditori, emigrati in prevalenza dalla Val d'Agri, alcuni discendenti da prigionieri italiani dell'ultima guerra mondiale che hanno trovato in Sud Africa le opportunità per sviluppare la loro creatività ed inserirsi nel tessuto economico e sociale del Paese". "Hanno vissuto, con timore, il processo politico che ha posto fine all'odioso regime delle discriminazioni razziali nei confronti dei neri, ma hanno anche avuto fiducia nel nuovo Sud Africa e nella figura carismatica di Nelson Mandela". "Molte Regioni italiane- ha precisato Curcio - hanno costituito associazioni in Sud Africa, con un coordinamento tra le varie Associazioni, poiché è fortemente sentito il problema di rappresentare il sistema Italia dal punto di vista culturale e dal punto di vista degli scambi economici e commerciali con la patria di origine. Questo- è la sua convinzione suffragata da dati di fatto - sta accadendo in tutti i Paesi nei quali sono presenti comunità italiane, in un ritrovato orgoglio di appartenenza che negli anni passati era stato accantonato". Curcio ha fatto menzione dell' importante e incessante azione svolta dal Presidente della Repubblica italiana, Carlo Azeglio Ciampi ed ha plaudito alla legge per l'esercizio del voto all'estero e all'elezione nel prossimo Parlamento italiano di dodici deputati e sei senatori, il che farà sì che la distanza tra l'Italia che vive nei confini nazionali e l'Italia planetaria che vive in ogni continente, si accorci in modo sostanziale. "I legami diventano sempre più intensi e proficui, con reciproci benefici. L'orgoglio dell'italianità non ha nulla a che vedere con il vecchio nazionalismo che tante rovine ha prodotto al nostro Paese, è invece l'orgoglio dell'Italia democratica, dell'Italia che è diventata una potenza industriale ed economica grazie anche ai nostri connazionali all'estero, al loro sacrifico e al loro costante rapporto con il Paese di origine". Ribadito poi, il ruolo della Regione Basilicata, che è stata la più colpita tra le regioni italiane dall'esodo di massa di tanti nostri corregionali, e che si sta organizzando perché i lucani nel mondo possano essere una risorsa per l'economia regionale, una risorsa che può incrementare l'interscambio economico tra la Basilicata e le varie aree del mondo. "Il nuovo Sud Africa è un Paese ricco di potenzialità, un Paese guida nell'Africa tormentata da giganteschi problemi, un Paese che si è messo alle spalle l'epoca dell'apartheid e guarda con fiducia al proprio avvenire. I lucani in Sud Africa hanno espresso riconoscenza e fiducia verso la Regione Basilicata e sono pronti ad essere partner fiduciosi nello sviluppo di nuovi rapporti con la Lucania". Nell'ambito della visita della delegazione regionale lucana in Sud Africa, si è svolto anche l'incontro con il Comites, il Comitato degli italiani all'estero di Johannesburg, presieduto da Maurizio Mariano. All'incontro con il Comites, organismo di rappresentanza presso i consolati degli italiani nel mondo, era presente l'on. Arturo Parisi che ha sostenuto un dibattito sui temi a carattere polico-sociali, concernenti anche la realtà italiana, con i tanti convenuti. In tale riunione Rocco Curcio ha ringraziato per l'invito, ha illustrato le politiche della Regione nei confronti dei Lucani nel mondo, ha sollecitato e auspicato un'ampia partecipazione al prossimo voto per l'elezione del Parlamento italiano. "La battaglia per l'esercizio del voto all'estero – sono state le sue conclusioni - è stata lunga ed ha incontrato molti ostacoli: ora è il momento che le comunità italiane all'estero sappiano utilizzare appieno i loro nuovi diritti anche per un rapporto sempre più profondo con tutti gli italiani che vivono sparsi per il mondo".

dt

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player