mercoledì, 27 set 2023 10:59

Vai all'archivio
Stampa Invia

GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDIO DEDICATE A GESUALDO DA VENOSA

10 settembre 2003

L'appuntamento è per il 17, 18 e 19 settembre a Venosa e il 20 a Potenza

© 2013 - gesualdo_da_venosa.jpg

© 2013 - gesualdo_da_venosa.jpg

(ACR) - Il convegno-studio e' stato organizzato dal Conservatorio di Musica "Gesualdo da Venosa", in collaborazione col Comune di Venosa, con la partecipazione della Provincia di Potenza e il patrocinio della Società Italiana di Musicologia e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. L'intenzione dei promotori è di contribuire all'ulteriore sviluppo degli studi sulla figura del musicista, una delle più apprezzate in campo madrigalistico, accanto ai grandi Marenzio, Palestrina e Monteverdi. Conosciuto e apprezzato nel mondo per la sua genialità innovativa, Caroli Gesualdi Venusiae Principis, nacque a Venosa l'otto marzo 1566, da Fabrizio II e Geronima Borromeo, sorella di San Carlo Borromeo. Seguì a Napoli severi studi ai quali fu avviato dal padre, discreto letterato e noto mecenate, molto legato ai Gesuiti. Eccelse nella musica polifonica, fu compositore di madrigali e di musica sacra che costituiscono il suo merito principale con cui ha precorso i tempi. Oggi viene riscoperto come uno dei personaggi più importanti e singolari della storia della musica. A lui si ispirarono grandi narratori moderni quali Richard Wagner e Igor Stravinsky, ma anche musicisti e compositori contemporanei. Si e' ispirato al grande Gesualdo, Franco Battiato, nel suo disco "L'ombrello e la macchina da cucire" e Pino Daniele, in "Medina", che così scrive del famoso musicista: "Sono andato a ricercare fra gli autori classici un brano musicale che potesse far conoscere ai giovani e ai non giovani la grandezza della nostra cultura. Carlo Gesualdo da Venosa è uno degli autori di musica più importanti al mondo e dopo circa 400 anni il genio della sua arte resta determinante e fermo nella memoria di tutti noi". Di Carlo Gesualdo da Venosa è in corso anche una riscoperta cinematografica, l'interessamento, per una trasposizione sul grande schermo della vita e delle opere del famoso musicista, e' del regista Bernardo Bertolucci. "Un film fiction – dichiara il giornalista Rocco Brancati, autore del libro "Bios athanatos – Carlo Gesualdo principe di venosa" – che racconta la storia umana di un grande madrigalista, definito dal regista Werner Herzog "un visionario", un uomo vissuto quattro o, addirittura, sei secoli prima del suo tempo". Alla manifestazione, che si svolgerà tra Venosa e Potenza, interverranno i massimi esperti di Carlo Gesualdo e della cultura musicale coeva, provenienti da Conservatori ed Università italiani e stranieri. (L.T.)

Redazione Consiglio Informa

argomenti di interesse

Per visionare il contenuto è necessario installare Adobe Flash Player