Stampa PDF Segnala ad un amico

Legge Regionale 13 giugno 1994, n. 20

Istituzione dell'Osservatorio regionale del mercato del lavoro e delle attività produttive (2)

Bollettino Ufficiale n. 28 del 18 giugno 1994

TESTO AGGIORNATO E COORDINATO CON: L.R. 16 gennaio 1995, n. 7 e con L.R. DI ABROGAZIONE TOTALE 8 SETTEMBRE 1998, N. 29

____________

Art. 1

Finalità

[1. È istituito l'Osservatorio regionale del mercato del lavoro e delle attività produttive.

2. L'Osservatorio promuove attività permanenti di analisi del mercato del lavoro e delle attività produttive finalizzate all'esercizio delle funzioni regionali in materia di programmazione, orientamento e formazione professionale.

3. L'Osservatorio, in particolare, è finalizzato:

a) alla impostazione degli interventi di competenza regionale attinenti ai problemi dell'occupazione;

b) a favorire la mobilità dei lavoratori;

c) a conoscere i termini qualitativi e quantitativi delle componenti strutturali della domanda e dell'offerta di lavoro per favorirne l'incontro;

d) a conoscere la domanda qualitativa e quantitativa dell'emigrazione di ritorno per favorirne l'inserimento nel mondo produttivo regionale;

e) alla predisposizione di proposte concernenti le politiche formative ed occupazionali.]

Art. 2

Compiti dell'Osservatorio

[1. All'Osservatorio regionale sul mercato del lavoro e delle attività produttive sono assegnati i seguenti compiti:

- la predisposizione di informazioni analitiche, coerenti e finalizzate, relative ad aree territoriali, settori di attività o tipologie professionali specifiche interessate a particolari problemi;

- la predisposizione e la diffusione di note periodiche corredate da quadri statistici che consentono di seguire l'evoluzione dei principali fenomeni che caratterizzano il mercato del lavoro, l'andamento della formazione professionale e l'andamento delle attività produttive;

- la redazione e la diffusione di un rapporto annuale sullo stato dell'occupazione, della formazione professionale e delle attività produttive, della domanda e offerta di lavoro e sulle esigenze formative espresse dal sistema delle imprese e dallo sviluppo dei servizi sul territorio;

- l'analisi del sistema produttivo e dei servizi allo scopo di attuare le politiche di risanamento e consolidamento.] 

Art. 3

Organizzazione dell'Osservatorio

[1. L'Osservatorio regionale sul mercato del lavoro e delle attività produttive è composto da:

a) il Comitato per le attività produttive;

b) la Segreteria tecnica.]

Art. 4

Comitato per le attività produttive

[1. È istituito il Comitato per le attività produttive.

2. Il Comitato è composto:

1) dall'Assessore regionale alle attività produttive, o suo delegato;

2) dall'Assessore regionale alla programmazione, o suo delegato;

3) dall'Assessore regionale alla formazione professionale o suo delegato.

3. Fanno altresì parte del Comitato:

a) n. 3 rappresentanti designati dalle tre OO.SS. dei lavoratori maggiormente rappresentative a livello regionale;

b) n. 1 rappresentante designato dall'Associazione regionale degli industriali operanti nella Regione;

c) n. 1 rappresentante designato dall'Associazione regionale delle piccole e medie industrie operanti nella Regione;

d) n. 1 rappresentante designato dalle Associazioni regionali degli artigiani di comune intesa.

e) n. 1 rappresentante designato, di comune intesa, dalle associazioni regionali dei commercianti.  (1)

4. Il Comitato è insediato con decreto del Presidente della Regione; in caso di mancata designazione dei componenti di cui alle lett. a), b), c) e d) vi provvede il Presidente della Regione.

5. Il Comitato dura in carica cinque anni e comunque fino allo scioglimento del Consiglio regionale che lo ha eletto.

6. Il Comitato si avvale di una apposita Segreteria tecnica per lo svolgimento delle proprie attività.

7. Il Comitato è convocato e presieduto dall'Assessore alle attività produttive o suo delegato.]

Art. 5

Compiti del Comitato

[1. Il Comitato individua e definisce le linee di indirizzo delle attività dell'Osservatorio ed in particolare:

a) approva il programma annuale delle attività dell'Osservatorio, predisposto dalla Segreteria tecnica, previsto dal successivo art. 7 e lo trasmette alla Giunta regionale ed alla Commissione consiliare competente;

b) approva le pubblicazioni periodiche ed annuali predisposte dalla Segreteria tecnica previste dal precedente art. 2.]

Art. 6

Segreteria tecnica

[1. È attivata presso il Dipartimento attività produttive della Regione Basilicata una Segreteria tecnica per l'espletamento delle attività dell'Osservatorio.

2. La Segreteria tecnica è composta da un servizio regionale individuato ai sensi del settimo e ottavo comma dell'art. 7 della L.R. 6 giugno 1986, n. 9.

3. La Giunta regionale doterà il predetto servizio dei profili professionali necessari.]

Art. 7

Programma di lavoro

[1. Entro il 30 settembre di ogni anno, il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale e sentita la Commissione consiliare competente, approva il programma di lavoro per l'anno successivo predisposto dalla Segreteria tecnica.

2. Entro lo stesso termine la Giunta presenta al Consiglio regionale un rapporto sull'attività svolta dall'Osservatorio e sul programma di lavoro realizzato.] 

Art. 8

Segreto statistico

[1. La raccolta e l'utilizzazione dei dati da parte dell'Osservatorio avvengono nel rispetto della normativa vigente e vengono raccolte:

a) dall'Istituto centrale di statistica o da altri soggetti pubblici;

b) dalla Regione o per conto della Regione;

c) dal Ministero del lavoro;

d) dal C.E.D.] 

Art. 9

Rapporti con altri Enti ed Organismi

[1. La Regione si impegna ad assicurare la collaborazione dell'Osservatorio alla Commissione regionale per l'impiego, all'Agenzia per l'impiego ed agli altri organismi preposti alla gestione del mercato del lavoro, delle attività produttive e previsti dalla legislazione statale e regionale, secondo le modalità precisate in apposite convenzioni già sottoscritte e/o da sottoscriversi con il Ministero del lavoro, dell'industria ed altri organi centrali e periferici dello Stato.

2. Viene fatto salvo l'impegno della Regione Basilicata riportato nell'apposita convenzione con il Ministero del lavoro e della previdenza sociale al fine di contribuire alla costruzione del sistema informativo e di osservazione nazionale e regionale su basi di coordinamento ed omogeneità.] 

Art. 10

Abrogazione

[1. È abrogata la L.R. 24 gennaio 1989, n. 3.] 

Art. 11

Pubblicazione della legge

[1. La presente legge regionale è pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Basilicata.] 

___________

NOTE

(1) lettera aggiunta dall'articolo unico, L.R. 16 gennaio 1995, n. 7;

(2) legge totalmente abrogata dall'art. 15, L.R. 8 settembre 1998, n. 29.