" E’ istituito presso il Consiglio Regionale della Basilicata il Garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza, di seguito denominato Garante, al fine di assicurare la attuazione dei diritti e degli interessi individuali e collettivi delle bambine, dei bambini e degli adolescenti, di favorire lo sviluppo di tutti gli aspetti della loro personalità ed affermare le loro pari opportunità stimolando la rimozione di ogni tipo di disuguaglianza". (L.R. n°. 18-2009, art.1, comma 2)

Il Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Basilicata eletto dal Consiglio regionale è:

VINCENZO GIULIANO vincgiuliano@gmail.com -  Tel.0971 447261
garanteinfanziaeadolescenza@regione.basilicata.it
garanteinfanziaeadolescenza@pec.consiglio.basilicata.it.

“A Scuola con il diabete di tipo 1”, 24/1 incontro a Potenza

21 gennaio 2019

Tavola rotonda promossa dall’Associazione di Genitori e Giovani Diabetici della Basilicata Aps, in collaborazione con il Garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza e il patrocinio di Agd Italia

21/01/2019 10:46

ACR “L’inserimento del bambino e adolescente in ambito scolastico e formativo/educativo” è il tema della tavola rotonda promossa dall’Associazione di Genitori e Giovani Diabetici della Basilicata Aps, in collaborazione con il Garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza e il patrocinio di Agd Italia, che avrà luogo giovedì 24 gennaio, alle 15,30, nella sala “A”, al piano terra del palazzo del Consiglio regionale (Via Verrastro, 6 – Potenza).

L’iniziativa rientra nell’ambito del Progetto “A Scuola con il diabete di tipo 1”, che “intende affrontare – si legge in una nota degli organizzatori - le problematiche e le difficoltà che i bambini affetti da diabete di tipo 1, insieme alle loro famiglie e ai loro insegnanti, incontrano ogni giorno a scuola, e le strategie da adottare per far sì che la vita scolastica non sia caratterizzata da ansia o difficoltà, con il rischio di minare lo sviluppo intellettuale del bambino, bensì sia serena e priva di atteggiamenti di esclusione o di diversità”.

“E’ necessaria un’azione condivisa da tutti i soggetti responsabili dello sviluppo del bambino – scrivono ancora gli organizzatori dell’iniziativa -. L’educazione e la salute hanno interessi comuni e vogliono garantire il diritto alla tutela del bambino favorendone l’inclusione educativa. Questo è il leit motiv della tavola rotonda, che coinvolgendo le istituzioni, le famiglie, le associazioni e il personale sanitario si esortino ad essere parti attive al progetto ‘A scuola con il diabete di tipo 1’ e ad una maggiore consapevolezza che lavorando insieme si possono ottenere grandi risultati”.