Segnala ad un amico stampa

“Potenza scenari di sviluppo”, una proposta di Realtà Italia

Il capogruppo in Consiglio regionale, Paolo Galante, ha illustrato in una conferenza stampa l’iniziativa sul capoluogo di regione che si svolgerà sabato 25 ottobre, alle ore 17,30, presso la sala A del Consiglio regionale

22/10/2015 12:55

la locandina dell'iniziativa promossa da Realtà Italia

ACR “La riscrittura del titolo V della Costituzione che modifica l’assetto istituzionale e le funzioni delle Regioni per quanto attiene la legislazione concorrente, impone alla Regione di rileggere il proprio assetto, di guardare a ciò che accade sul suo territorio e di svolgere una funzione di cabina di regia per immaginare una ipotesi di sviluppo che parta dalla città di Potenza e si estenda all’intero territorio regionale”. Così il capogruppo di Realtà Italia, Paolo Galante nel presentare alla stampa l’iniziativa “Potenza scenari di sviluppo”, una giornata di riflessioni sul capoluogo di regione che si svolgerà sabato 25 ottobre, alle ore 17,30, presso la sala A del Consiglio regionale (Via Vincenzo Verrastro, 6 – Potenza).

“L’iniziativa di Realtà Italia– ha proseguito Galante  - prende le mosse dalla città di Potenza perché è la parte più debole del territorio regionale. A fronte di percorsi che riguardano altre comunità, già indicati e che devono essere solo accompagnati, quali la cultura per la città di Matera e l’automotive per quella di Melfi, per la città capoluogo l’attenzione del legislatore regionale diventa fondamentale al fine di aiutare la classe dirigente di questa città a immaginare un percorso di sviluppo”.

Galante ha, quindi, fatto riferimento a una sua proposta di legge presentata nell’aprile dello scorso anno “Per la città di Potenza capoluogo della Regione Basilicata: attraverso la costruzione di un moderno modello di sviluppo basato sul concetto di benessere equo e sostenibile (Bes)” che contempla un percorso utile per la ripresa del capoluogo lucano. “La proposta di legge – ha spiegato il capogruppo di Realtà Italia – vuole essere una traccia scritta sulla quale iniziare a lavorare. Importante per la sua evoluzione sarà il contributo che potranno offrire le organizzazioni sindacali e di categoria e tutte quelle realtà che saranno capaci di mettere insieme proposte e idee”. “La Regione Basilicata – ha proseguito Galante -, in una logica di ristrutturazione di regole istituzionali ha un ruolo fondamentale per la riqualificazione della città di Potenza, che troppo spesso ha sofferto in passato di una condizione di camera di compensazione delle esigenze politiche. Fondamentale attribuire alla città un ruolo moderno, da smart ciy che nei suoi servizi si sviluppi in un contesto equo e sostenibile, riconfermando due delle sue eccellenze: l’Azienda ospedaliera San Carlo e l’Università degli studi della Basilicata.  Occorre, dunque, investire risorse che rendano più fruibili questi servizi e che ne facciano un’opportunità di crescita”.

Galante si è, poi, soffermato sull’attuale ridisegno macro-regionale. “Da promotore della mozione sulla soppressione della Corte d’Appello  presentata in Consiglio regionale – ha concluso il capogruppo di Realtà Italia – ritengo che questo piano di riassetto regionale possa metterci in un contesto di sviluppo non paragonabile ad altre realtà ad oggi a noi equiparate.  Resistiamo con determinazione a questo disegno programmando una ipotesi di sviluppo che parta dalla città di Potenza e che coinvolga realmente l’intera regione Basilicata”.

rn